TRADUTTORE

Barra video - La colonna sonora che preferisco....

Loading...

BENVENUTO

Chievo , Dicembre 2007
Ciao, benvenuto nel mio blog!
Mi chiamo Annamaria, ho 49 anni (purtroppo) di professione architetto, sono un tantino "fuori" di testa e stò lottando con tutte le mie forze contro uno stronzissimo cancro del sangue, che mi vorrebbe eliminare!
Non ti spaventare, il cancro non è contagioso, ed io voglio dimostrare che si può vivere a 360 gradi, anche con un cancro, o perlomeno provarci!
E senza lagnarsi e farsi compatire (se non quel tanto che basta per ottenere delle cose che altrimenti ci sarebbero negate...insomma, già che ci siamo perchè non approffittarne?)
E come disse Freddie "[...] ora voglio soltanto avere la maggior quantità possibile di gioia e serenità, e immagazzinare quanta più vita riesco, per tutto il poco tempo che mi resta da vivere."(Ultima intervista di Freddie Mercury, 1991).
Amen

Informazioni personali

La mia foto
Vivo a Chievo, (VR) e sono felicemente sposata da 17 anni con Giggino. Niente figli ma abbiamo tre gatti, che comunque non mi chiamano "mamma" (i figli son figli ed i gatti son gatti! Mica sono scema!). Ho anche UN MIELOMA sviluppatosi a causa della GAMMOPATIA MONOCLONALE! Lo scopo del mio blog, è quello di INFORMARE sulle cure e dimostrare che anche con un CANCRO si può vivere in maniera decorosa!! Cerco di vedere il lato "ironico" della situazione anche se, in effetti, a volte risulta un tantino difficile.... Meglio "riderci sopra" che frignare dalla mattina alla sera! Tanto, cosa cambierebbe? Che Giggino si trovebbe un'altra...ancor prima di restare vedovo! e non è proprio il caso.. anche se, a dire il vero, gli ho già proposto un paio di donzelle!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti in questo blog sono reperite da internet, pertanto tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori.Qualora l’uso delle immagini riportate in questo blog avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, i soggetti legittimati potranno darne comunicazione all’autore che provvederà ad eliminarle immediatamente dal blog.Il contenuto di questo blog è proprietà intellettuale dell’autore e come tale è protetto dal diritto d'autore ai sensi della legge 22 aprile 1941 n. 633. L'usurpazione della paternità di testi e immagini è pertanto perseguibile a norma di legge. E' vietata la riproduzione, in qualunque forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autore.

Google Calendar Viewer

ACQUARELLO

ACQUARELLO

martedì 13 maggio 2008

LA RISONANZA MAGNETICA, CHE PASSIONE!

E' ora di finirla con sta menata che fare la risonanza magnetica sia difficile e pauroso e pericoloso e bla bla bla!
Vorrei spezzare una lancia (chissà perché si dice così e non ad esempio spezzare una alabarda?) a favore di questo esame diagnostico salvavita, attorno al quale ruotano tante variegate favole metropolitane.
Partendo in ogni caso dal presupposto che, non esistendo alternative, comunque quando ti tocca, te la devi cuccare, cercherò (per quelli che non lo hanno mai fatto, buon per loro e spero siano tanti), di spiegare in cosa consista questo esame che ho per l’ennesima volta eseguito stamani (con la solita oretta di ritardo causata dalle solite persone che si sono lasciate suggestionare dall’idea claustofobica che suscita la visione dell’apparecchio in sé medesimo).
Fare la risonanza magnetica con liquido di contrasto (gandolino), è assolutamente indolore (a meno che non abbiate delle difficoltà a rimanere lunghi distesi su un lettino a cazzeggiare per mezzoretta).
Ovviamente, avrei preferito andare a farmi una “vasca” in via Mazzini (vale a dire girare avanti e indietro per la via dei negozi più gettonata di Verona), comunque, anche il terzo piano del policlinico non è male.
Se siete fortunati, tanto per cominciare, potete incontrare dei Tecnici diagnostici o Medici più o meno attempati, di sesso opposto simpatici e metti caso pure bellocci (così, dato che ci siete, vi rifate pure gli occhi).
Nell’attesa, inoltre, potete sempre fare incontri interessanti con gente magari pure più sfigata di voi ed altrettanto vogliosa di rendervi partecipi dei cazzi loro, di modo che vi sentirete persino sollevati quando, finalmente, arriverà il vostro turno.
Il questionario al quale sarete in seguito sottoposti varia da un laboratorio diagnostico all’altro, anche se, in sostanza, le domande alle quali sarete sottoposi sono di questo tipo:
• Lei è schizofrenico?;
• Soffre di attacchi epilettici?
• Si droga?
• Soffre di claustrofobia?
• Ha delle parti nel suo corpo in ferro?
Una volta risposto NO alle domande sopra citate (trattenetevi dal dire: ma perchè non si fà una pentola a pressione di cazzi suoi?) e firmato la liberatoria per il liquido di contrasto (ero quasi tentata di dire, solo per la curiosità di vedere cosa avrebbero fatto i medici, che ero una drogata schizofrenica epilettica claustofobica e mezzo bionica, ma siccome sono consapevole del fatto che devo fare la R.M. per vedere se il mio cancro si è fermato, ho deciso passare oltre, almeno par stavolta), vi faranno accomodare in uno spogliatoio all’uopo allestito e vi faranno spogliare ed indossare un camice bianco, sopra la vostra biancheria. Vi dovrete togliere anelli, orologio, orecchini, occhiali e, nel caso la RM la dobbiate fare all’encefalo od ai pacchetti oto-vestibolari, anche trucco e gel nei capelli.
Poi vi faranno accomodare su una specie di lettino ed appoggiare la testa su di un cuscino. Io ho chiesto espressamente i tappi alle orecchie perché l’esame è molto rumoroso ed, in effetti, può dare fastidio alle orecchie (specialmente se non funzionano perfettamente come le mie).
Quando dico “molto rumoroso” intendo dire che sentirete dei rumori del tipo martello demolitore, centrifuga della lavatrice o treno che passa, ma una volta passata l’iniziale sorpresa, potreste trovarli anche rilassanti. Sono una sequenza, diversi tra di loro, intervallati da delle pause.
Dopo che vi sarete sdraiati sul lettino, vi chiederanno di rimanere calmi ed immobili per circa una mezz’oretta. In alcuni centri (non stamattina) vi daranno anche un pulsante in mano da schiacciare per avvertirli, nel caso abbiate dei problemi e vogliate essere tirati fuori dal buco.
Il lettino quindi, comincerà a slittare all’indietro fino alla posizione che la zona da esaminare richiederà.
Per la RM all’osso sacro, ero infilata nel tubo fino alle ginocchia e pertanto il resto delle gambe era fuori. Altre volte mi hanno consigliato di tenere gli occhi chiusi, stamani non mi hanno detto nulla in tal senso. In ogni caso, io avevo già, come dire, “spiato”, l’interno di un altro cilindro per curiosità.
Non tutti gli apparecchi sono uguali; quello nel quale sono stata infilata stamani, era meno “tecnologico”, così a prima vista, ed in sostanza era una specie di tubo di plastica bianco, aperto davanti e presumo dietro. Dal mio naso sarà stato circa 30 centimetri. Altre volte assomigliava all’interno ad una specie di lettino solare. Non è buio all’interno, anzi, c’è una luce molto intensa ed il tutto non risulta “soffocante”. Tenete presente che non amo prendere gli ascensori e non andrei mai a fare la speleologa. Quando sono andata in Egitto, mi sono rifiutata di entrare in una piramide perché mi sentivo soffocare solo all’idea. Cosa che invece non mi è mai successa facendo la RM.
I medici ed i tecnici (la presenza del medico risulta indispensabile solo quando è richiesto l’uso del liquido di contrasto),usciranno dalla stanza dove vi troverete voi ed il macchinario e si posizioneranno davanti, oltre una vetrata. Comunicheranno con voi, riprendendovi ad esempio se vi muoverete troppo, attraverso delle cuffie o dei microfoni inglobati nel macchinario. Penso che sia difficoltoso per le persone obese, perché le dimensioni del “cilindro” sono fisse. Non siete legati o prigionieri e se vi viene un attacco di panico, potete chiamare e sarete subito tirati fuori. Io prima di entrare prendo un ansiolitico e quando sono dentro cerco di stare calma e pensare a qualcosa di piacevole. Penso che è un esame necessario, che la gente sta lavorando per il mio bene, sopporto e cerco di non scassare le balle.
Tuttavia, non trovo ci sia niente di male ad avere paura e non c’è da vergognarsi se si chiede di essere tirati fuori.
Esistono dei centri (ad esempio, Trento) dove la RM può essere effettuata con l’impiego di un macchinario aperto ai lati, adatto proprio alle persone che hanno troppa paura.
Quando vi tireranno fuori per iniettarvi l liquido (iniezione o flebo) significa che l'esame stà volgendo al termine: ancora qualche sequenza di rumori e stop.
A me, il liquido di contrasto non ha mai dato alcun tipo di disturbo (ero così stupidotta anche prima).
Ho scritto questo mio post, allo scopo di tranquillizzare qualcuno che deve o dovrà fare questo tipo di esame. Personalmente, sarei stata contenta di essere informata anche sui dettagli più stupidi inerenti quello che mi aspettava, la prima volta che l’ho fatto, quattro anni orsono, in modo tale da evitare di farmi un sacco di inutili seghe mentali (stamattina eravamo proprio partiti male, perchè la dott.ssa mi ha fatto sputare la gomma dicendomi "non può masticare", e mi sembrava di essere tornata alle scuole elementari. Se volete tenere una caramella in bocca, nascondetela sotto la lingua, così si scioglie lentamente e vi fa compagnia: io avevo fatto così le altre volte).
Domani chiederò ad una mia amica di leggere stò post e dirmi se ho reso l’idea e se secondo lei potrebbe essere utile a qualcuno, ad avere un approccio meno traumatico nei confronti di un esame decisamente indispensabile ed in sé veramente insulso.
Altrimenti lo cancello.

Ps: a fare l’esame non ho avuto alcun problema: l’unico neo è che, grazie al mio disastroso senso dell’orientamento, non ero più capace di ritrovare, tra i vari piani e corridoi del policlinico, da dove cavolo fossi partita….
Così in realtà per fare l’esame ho perso un paio d’ore, ma ovviamente, questa è tutta un’altra storia…..

2 commenti:

patty ha detto...

Non so se leggerai..... ma io lo scrivo ugualmente.... Qualche tempo fa anche io ho fatto la RM e nessuno mi aveva detto cosa e come si facesse.... io l'ho fatta senza liquido di contrasto.... mi hanno infilato dentro quel tubo...e me lo ricorderò per tutti gli anni a venire: quel giorno iniziavano i mondiali di calcio...Svizzera-Francia... Ho dovuto tenere gli occhi chiusi, e concentrarmi sulla partita per non dover aprire gli occhi e a pochi centimetri da me trovare il "soffitto"... Ce l'ho fatta per un po'....poi strani pensieri si sono impossessati del mio cervello.... e se fossi morta...che mi risveglio??????????? E quando sarò morta mi metteranno dentro un coso come questo????? Ho iniziato a maledire il fisioterapista che me l'ha consigliato.... penso di aver pensato in tutto l'alfabeto... ad un certo punto sentivo le gocce di sudore che scendevano ai lati delle tempie.... non ce la facevo più...non potevo più sentire quel maledetto rumore del cazzo...cercavo sempre di concentrarmi sulla partita....di non avere strane visioni...di non pensare ai miei figli e a mio marito..... Non avevo a disposizione il bottone per chiamare.... quando sono uscita penso che ero bianca e spaventata...sono andata poi dritta dritta dal mio fisioterapista e gliene ho detto un sacco....
SPERO ARDENTEMENTE DI NON DOVERLO PIU' RIFARE
E così sia....
patty

anna ha detto...

Cara Patty, ma quando "l'acqua la toca el cul"!, come si suole dire dalle mie parti....
Cioè: quando proprio proprio ti tocca farla......
E poi non spaventare la gente: è come fare un lettino solare. Solo che invece di uscire arrossati si esce sbiancati!

TORRE DEL LAGO

TORRE DEL LAGO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO
per i 50 anni di Flavio ed Annalisa...

Con Diana e Oscar

Con Diana e Oscar
splendidi figli di Gianni e Camilla...

CI SONO ANCORA

CI SONO ANCORA
con la collana in vetro di Murano ed argento, regalo dei colleghi..

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.
Come potete vedere, quello indicato con la freccia è ALIEN (il mio buco sul sacro, PLASMOCITOMA S1-S3: è quello nero)

IO e....boh! non so chi sia...

IO e....boh!  non so chi sia...

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino non ci stà più

Maggiolino non ci stà più
nel piatto Marocchino!

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO
Ciro Crillo

LA NICO COL GATTO

LA NICO COL GATTO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA
Ero un tantino incazzata. Si vede?

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE
Si vede che sono un tantino sollevata

Carlotta....

Carlotta....
la micia di Arianna e Roby...

Coco

Coco

Per Mara....

Per Mara....

Maggiolino 2008

Maggiolino  2008
Ottobre

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

PENNARELLI E MATITE

PENNARELLI E MATITE

Particolare del 99

Particolare del 99

GATTI MISTI 2008

GATTI MISTI 2008

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO
l'ho regalato a Loretta e Michele, l'ho disegnato adesso, di notte, con i pennarelli

GATTO DI NOVEMBRE

GATTO DI NOVEMBRE

ACQUARELLO

ACQUARELLO

TANTI GATTI

TANTI GATTI

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

PASTELLI

PASTELLI

ACQUARELLO E MATITE

ACQUARELLO E MATITE

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

A CHINA

A CHINA

Giggino stravaccato sul sofà

Giggino stravaccato sul sofà

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)
Natale 2007. Traspare dallo sguardo dei micetti, la serenità dello spirito che si avvicina con devozione alle sante festività!!!! diodellamadonna, sembrano due iene! Vedi il subconscio..

acquarello

acquarello

Senza titolo

Senza titolo

Pennarelli e matite

Pennarelli e matite

Tempera su legno

Tempera su legno

Olio su tela

Olio su tela
A Giggino piace, mentre a mè fa schifo, perchè con i colori ad olio, sono proprio negata....

Particolare

Particolare
luna

Giggino

Giggino

Acquarello

Acquarello
Botticino

Particolare

Particolare
Pastrocchi con i pennarelli e le matite

Particolare

Particolare
Tempera su asse di legno

MADONNA

MADONNA
E' stato un esercizio di stile. Non è il mio genere...era per provare se sono capace di disegnare

Il nostro letto a Montereggio

Il nostro letto a Montereggio
Dipinto dalla stessa scrivete nel lontano 1993

BARBARA

BARBARA
la nipote, la figlia di mio fratello Sergio...quella che ha tre gatti, due cani, quattro cincillà..quella che ha una "passione" per gli animali...

GIGGINO

GIGGINO
il mio amore con la cravatta e la camicia che gli ho regalato io, con i suoi soldi!

LA NICO

LA NICO
quella gnocca di mia cognata

COMPLEANNA

COMPLEANNA
Il taglio della torta...(da sinistra) Mara, Loretta, io che frigno, Massimino e Silvietta (Citrato n. 2)

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008
a passeggio a Peschiera

MAGGIOLINO

MAGGIOLINO
stonzettino

Occhi gialli

Occhi gialli
karma Chicca, madre/moglie di Cicciolinus, madre di Maggiolino...

Cicciolinus

Cicciolinus

maggiolino in semi-coma

maggiolino in semi-coma

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino
Il più bello della Via Perloso, nò balle!

2005

2005

2006

2006

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia
Ad un anno esatto da quando mi si è bucato l'osso sacro! Il cimitero può attendere! Coraggio, tumorati di tutto il mondo, mettiamogliela in quel posto! Mieloma, ti conosco, ti vedo, ti stronco!!!!!!!! Bastardo vedremo chi la vince!

19 luglio 2008

19 luglio 2008
Anniversario di quando mi sono seduta sulla sedia e mi si è rotto l'osso sacro! per festeggiare cena a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Coppia al mare

Coppia al mare
Giggino, il sant'uomo di mio marito ed io

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/
siamo in Lunigiana, nel paese dei librai, paese natio di Giggino

Montereggio

Montereggio
la chiesa sconsacrata

Montereggio

Montereggio

19 Luglio 2008: Montereggio by night

19 Luglio 2008: Montereggio by night

Crì ed io a Montereggio

Crì ed io a Montereggio
13 luglio 2008

Mary alla finestra

Mary alla finestra
A Montereggio

ROBERTO E FIORELLA

ROBERTO E FIORELLA
coppia al bar in quel di Montereggio

Sono andati avanti.......

Sono andati avanti.......
Mauro, Rambo ed Ila

Archivio blog