TRADUTTORE

Barra video - La colonna sonora che preferisco....

Loading...

BENVENUTO

Chievo , Dicembre 2007
Ciao, benvenuto nel mio blog!
Mi chiamo Annamaria, ho 49 anni (purtroppo) di professione architetto, sono un tantino "fuori" di testa e stò lottando con tutte le mie forze contro uno stronzissimo cancro del sangue, che mi vorrebbe eliminare!
Non ti spaventare, il cancro non è contagioso, ed io voglio dimostrare che si può vivere a 360 gradi, anche con un cancro, o perlomeno provarci!
E senza lagnarsi e farsi compatire (se non quel tanto che basta per ottenere delle cose che altrimenti ci sarebbero negate...insomma, già che ci siamo perchè non approffittarne?)
E come disse Freddie "[...] ora voglio soltanto avere la maggior quantità possibile di gioia e serenità, e immagazzinare quanta più vita riesco, per tutto il poco tempo che mi resta da vivere."(Ultima intervista di Freddie Mercury, 1991).
Amen

Informazioni personali

La mia foto
Vivo a Chievo, (VR) e sono felicemente sposata da 17 anni con Giggino. Niente figli ma abbiamo tre gatti, che comunque non mi chiamano "mamma" (i figli son figli ed i gatti son gatti! Mica sono scema!). Ho anche UN MIELOMA sviluppatosi a causa della GAMMOPATIA MONOCLONALE! Lo scopo del mio blog, è quello di INFORMARE sulle cure e dimostrare che anche con un CANCRO si può vivere in maniera decorosa!! Cerco di vedere il lato "ironico" della situazione anche se, in effetti, a volte risulta un tantino difficile.... Meglio "riderci sopra" che frignare dalla mattina alla sera! Tanto, cosa cambierebbe? Che Giggino si trovebbe un'altra...ancor prima di restare vedovo! e non è proprio il caso.. anche se, a dire il vero, gli ho già proposto un paio di donzelle!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti in questo blog sono reperite da internet, pertanto tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori.Qualora l’uso delle immagini riportate in questo blog avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, i soggetti legittimati potranno darne comunicazione all’autore che provvederà ad eliminarle immediatamente dal blog.Il contenuto di questo blog è proprietà intellettuale dell’autore e come tale è protetto dal diritto d'autore ai sensi della legge 22 aprile 1941 n. 633. L'usurpazione della paternità di testi e immagini è pertanto perseguibile a norma di legge. E' vietata la riproduzione, in qualunque forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autore.

Google Calendar Viewer

ACQUARELLO

ACQUARELLO

venerdì 31 luglio 2009

LA FELICITA' DELLE PICCOLE COSE

In questo ultimo periodo, sto godendo appieno di alcune piccole grandi cose della vita, azioni che prima facevo soprapensiero, con leggerezza, senza consapevolezza.
Non vorrei scrivere un post che sembri un “Inno alla vita” del tipo San Francesco nel bosco circondato dai cardellini!
Però un po’ è quello il senso che voglio dare a queste righe.
Vorrei poter trasmettere la voglia che ho di assaporare alcune cose semplici i della vita.
E’ quando pensi spesso alla Morte che arrivi a queste conclusioni.
Della morte a dire il vero, poco mi frega.
Mi interessa solo vivere degnamente e senza dolore fisico.
Non mi importa QUANTO.
Mi importa COME.
COME adesso, mi andrebbe benissimo.
Come adesso, alle ore 14:43 di un venerdì pomeriggio di agosto.
Seduta alla scrivania, con il portatile davanti, senza scarpe e con gli occhiali da vista bianchi e neri, comperati dai cinesi per tre euri.
Con la coca cola comperata alla Lidl, bella fresca, appena tolta dal frigo.
Ma che meraviglia, grattarsi il sotto dei piedi sul tappeto di cocco.
Bere una sorsata di coca fresca.
Dire due parole a Giggino, seduto nell’altra stanza che lavora.
Cosa poteri volere di più dalla vita?
Il CANCRO è sotto controllo ed il dolore, al momento, è sedato.
Per tirami su di morale, sono stata dalla Luisa a fare un lettino solare.
E’ come fare la risonanza magnetica.
Però esci che sembri appena tornata da una giornata di sole sul lago.
Non avrei il fiato di stare un giorno al sole!
Ma quindici minuti di lettino, quelli si, ci stanno tutti!
Ed adesso sono pronta ad incontrare la mia amica Cito, che non vedo da parecchi mesi.
Lei è stata al mare, a Viareggio ed ha preso il sole, quello vero!
Ma scommetto che sono più abbronzata io, e senza tribolazioni e spellature!
Chiedete al vostro medico, io l’ho fatto e mi ha detto che posso prendere il sole!
Era dal 24 maggio 2004 che non lo facevo.
Ero verde pistacchio.
Sulle gambe si intravvedevano le vene di colore violaceo.
Adesso sono scomparse, nascoste dal colore cioccolata che ho assunto.
Essere lampadata ha un effetto molto terapeutico sul mio umore!
Mi guardo allo specchio e vedo na donna platinata abbronzata…
Mi sembro la Versace…
Ho anche un ghigno che le somiglia!
Insomma, prendersi cura di quel che rimane del proprio corpo, è molto piacevole.
Mi sono applicata anche le unghie “franche manicure” ed ho delle mani molto schic.
Lo so, ci vuole poco a passare dallo schic al chic!
Ma chissenesbatte!
L’importante è sentirsi meglio!
Sono stata nell’ufficio di Max a bere un caffè.
Quattro chiacchiere con le ragazze, rigorosamente su argomenti soft, e sono tornata in ufficio col sorriso stampato sulla faccia.
C’è un venticello fuori che è na meraviglia.
Appoggiate al parapetto del poggiolo, ci siamo fatte accarezzare dal vento che ci ha scompigliato i capelli.
Il sole oggi è un po’ velato, ma è comunque una meravigliosa afosa giornata estiva.
Che meraviglia vedere la gente che passeggia con i pantaloncini corti e le ciabattine infradito!
Quanti galloni al vento!
Non ho mangiato nulla, ma quando arrivo a casa mi aspetta una fetta di anguria.
La frutta estiva è una cosa esagerata!
Meloni, pesche, fragole, ciliegie, albicocche, susine…..
Nell’orto quest’anno è già arrivata l’uva!
E poi ci sono le verdure, coltivate da mio Papi con la collaborazione, causa forza maggiore, di Giggino.
Zucchine, melanzane e pomodorini di tutte le misure!
Non so più da dove cominciare a mangiare.
Quando si mangia bisogna assaporare il cibo poco alla volta…
L’anguria io la mangio tagliata a tocchettini, sdraiata a letto.
Maggiolino di fianco, che ne vuole un pezzo.
Quando capisce di cosa si tratta, si sposta e si sdraia su un fianco.
Aspetta che io finisca di mangiare e che poi gli faccia un chilo di collole.
Nella camera, con le pareti color senape ed il soffitto bianco, io ci ho passato molto tempo.
Ma adesso la vedo in modo diverso.
E’ un locale dove io mi trovo bene.
Mi posso comodamente sdraiare, posso mangiare, leggere, disegnare, dormire.
Io in camera ci passo molto tempo e per tale motivo ho scelto di persona il colore delle pareti e l’arredamento.
E’ tutto perfetto, tutto al suo posto.
Dal letto posso vedere gli alberi ed il monti.
Ma quando posso esco, cammino.
Mi piace stare in mezzo alla gente ma sapere che, al bisogno, ho la mia camera che mi aspetta.
Come ieri, che sono stata tutto il pomeriggio con la mia amica Arianna in un centro commerciale, a guardare i saldi.
Ci siamo divertite a provare vestiti e confrontare prezzi e qualità.
Non abbiamo quasi comperato niente (a dire il vero, come al solito, io ho comperato un vestito e la mia amica nulla, io trovo SEMPRE qualcosa di interessante da comperare).
Sembravamo un po’ sperse, in mezzo a quel casino (a dire il vero, ci siamo proprio perse, in tangenziale! Abbiamo sbagliato strada e ci siamo trovate, per colpa mia, in autostrada! Insomma, abbiamo cambiato meta, anziché le Corti Venete, il Galassia…..proprio do deficienti…roba da matti….).
Ma sono riuscita a camminare quasi quanto lei, con qualche tappa su una panchina o al bar.
La sera l’ho chiamata e mi ha detto che anche lei era stanca.
Anche lei, senza essere malata di CANCRO, era stanca dopo un pomeriggio passato tra un negozio e l’altro, con l’aria condizionata in tilt.
Mi sono divertita molto.
Mi diverto con poco.
Veramente poco.
Addentare un panino croccante è meraviglioso.
Sdraiarsi sul letto dopo avere camminato è meraviglioso.
Chiacchierare con un’amica è meraviglioso.
Coccolare Maggiolino è meraviglioso.
Dormire e sognare è meraviglioso.
Pensare al domani è meraviglioso.
Sperare di invecchiare è meraviglioso.
Io vorrei avere davanti altri 100 anni, per potere fare tutto quello che ho in mente di fare.
Devo aiutare mio marito e finire alcune perizie, devo disegnare tante cose, devo fare il ritratto alla mia amica Citro, devo disegnare delle pelli per delle borse, devo viaggiare ed andare a New York, devo prendermi cura di mio padre e dei miei gatti, devo veder crescere le mie nipoti, devo indossare tutti i miei vestiti, devo vedere tutti i prossimi saldi, devo andare ancora una volta dentro il mare, devo vedere se riescono ad andare di nuovo sulla luna, devo vedere se è vero che nel 2012 c’è le fine del mondo, devo scoprire chi acquisterà la casa dei miei vicini, devo raccontarmi e farmi raccontare tutto dalle mie nuove amicizie, devo andare per funghi almeno ancora una volta, magari in piano, così non mi fa male la schiena, devo diventare vecchia con Giggino ed andare a vivere a Montereggio.
Svegliarmi tutte le mattine tra le lenzuola fresche nella nostra piccola cameretta, nel letto di ferro che ho dipinto nel 1993.
Andare tutte le mattine in piazza, a bere il caffè con il cornetto, e sedermi al bar a giocare a carte, a briscola, a scopa, a scala quaranta.
Spettegolare sugli ultimi avvenimenti.
Andare a fare na passeggiata tra i boschi di castani.
In mezzo alle ginestre ed alle farfalle.
Raccogliere lamponi e more.
In luglio aspettare la notte per vedere le lucciole.
Andare a ballare in tutte le sagre paesane.
Mangiare torta di porri e torta d’erbe tutte le sere.
Chiacchierare, seduta sulla panchina con le mie amiche mentre Giggino, un po’ in disparte, legge il giornale.
Già me la vedo, Citro seduta in disparte un po’ impettita, perché vuol sempre aver ragione.
Sua sorella Mary, che sorride beata guardando la luna, inseguendo chissà quale pensiero.
Cri, che ci racconta del suo "meraviglioso" ultimo viaggio.
Ed io, seduta in mezzo con i capelli bianchi a caschetto che aspetto il momento buono per intervenire e, finalmente, dire la mia opinione sull’argomento in questione.
Non importa quale esso sia.
Una vecchiaia serena nel piccolo paese dove Giggino è cresciuto.
Nello stesso paese dove andremo stasera.
Già assaporo il momento in cui vedrò la Citro!
Spero, finalmente, di vederla con i capelli “piastrati” e non con il solito look “spettinato/riccio/crespo” della serie tantosonbellastessoechisenesbatte!”.
E la Mary, anche lei non ricordo da quanto tempo non la vedo.
Dopo un mese passato al mare, con la mamma Silvana ed il figlio Jacopo, sarà cotta, in tutti i sensi!
Invece Crì, che ho incontrato anche quindici giorni orsono, certamente avrà in serbo qualcosa di meraviglioso da raccontarci!
Ed io certamente mi rigenererò in mezzo al casino che faranno, e cercherò di immagazzinare sensazioni da rispolverare nei momenti bui che mi aspetteranno.
Il CANCRO sembra così lontano.
Quasi una cosa inventata.
Ma veramente io sono così malata?
Veramente ho una così grossa lesione alla spina dorsale?
A dire il vero in questo momento nemmeno me ne frega tanto.
Il CANCRO può attendere, fermo al suo posto.
A me, scusate, mi scappa tanto da vivere!
Ciao!

martedì 28 luglio 2009

IL CANCRO, L'ALOE, I FIORI DI BACH E PADREPIO

Quello della medicina alternativa era un argomento che dovevo, prima o poi, affrontare.
E’ che non avevo voglia di entrare in argomento perché mi ritornano in mente i suggerimenti di alcune persone e mi monta la carogna.
L’ultima, in ordine temporale, dopo avere saputo dalla mia boccaccia (mai dire a chi non conosci che sei seduta perchè hai un cancro e ti fa male la schiena!)che ho il CANCRO, mi si è parata davanti con le palle degli occhi fuori dalle orbite e mi ha detto: “Abbandona il protocollo di cura, smetti di curarti, ti stanno uccidendo come hanno fatto con mio marito” eccetera eccetera eccetera.
A dire il vero io non mi sono scomposta più di tanto.
Con una persona così io ci potrei tranquillamente fare a cazzotti.
Ma sarebbe come sparare sulla croce rossa od andare a rubare in chiesa.
Con una così potrei ripassare tutto il vocabolario più scurrile e blasfemo che tengo forzatamente compresso in un angolo del cervello.
Insomma mi veniva da ridere e non sapevo nemmeno da che parte incominciare per mandarla a fanculo.
Poi ho sorriso e le ho risposto: “Ma certo cara, abbandono tutte le cure, mi faccio un clistere di aloe, un minestrone di fiori di bach e mi caccio nel buco che ho nel culo (osso sacro) 30 gocce di R 14, prescrittemi dall’omeopata!".
Come mi ha fatto notare un altro demente venerdì mattina al mercato del saval, io dovrei fare un esame di coscienza e "meditare", perché il CANCRO l’ho chiamato sicuramente io a livello inconscio.
Il mio CANCRO potrebbe quindi essere il frutto di un conflitto irrisolto che io ho dalla nascita: l’invidia del pene di mio padre!
E siccome io non ho meditato sull’infinito dell’universo, il mio karma ha deciso di castigarmi facendomi un grosso buco in un osso.
La gelosia repressa nei confronti di mia madre, che in realtà a livello inconscio odiavo, mi ha fatto somatizzare l’evento traumatico che si è trasformato in un linfocita negativo, anche perché non apro mai la porta ai testimoni di geova.
Probabilmente le molestie sessuali subite in maternità quando sono nata, mi hanno portato ad essere una donna repressa che ha somatizzato la rabbia, sfociata in un plasmocitoma s1-s4.
Tale situazione, aggravata dal fatto che sono atea e non sono mai andata in chiesa a pregare Padrepio, mi ha portato alle attuali gravi condizioni fisiche, che in realtà sono più che altro gravi condizioni mentali.
Perché sono IO che voglio avere un cancro!
Ma certo!
Perbacco!
Che intuizione fantastica!
Intanto però vi prego, parenti, amici e conoscenti, cavatemi tutte ste persone dalle palle, prima che compia una strage (che potrebbe tra l'altro essere giustificata dall’abuso dell’uso di farmaci che mi stanno intossicando l’organismo, tutto per gonfiare le tasche delle case farmaceutiche e per dare lavoro alle ULSS ecc. ecc.)
Lo so, il CANCRO non esiste!
E’ tutto un MAGNA MAGNA, come diceva il Bussi.
L'ho visto l'altro giorno sul giornale.
Quasi non lo riconoscevo nella foto, con i capelli ed i denti!
Se invece di andare in ospedale fosse andato a Monterotondo, forse sarebbe ancora qua, a raccontarmi la storia della creazione del mondo!
Forse..



Ps: alla fine si è incazzato Gianni con sta persona…quella signora che voleva interrompessi le cure...
Stà demente che mi ha anche detto, guardandomi con aria furbetta, come di una che mi ha "colta in flagranza di reato" (o fragranza come dice il mastinomusolla): "tu sei arrabbiata....si lo vedo...sei proprio arrabbiata!".
E poi ha continuato chidendomi "Perchè sei arrabbiata? Perchè?"
"Zio Billi" le ho detto "sono incazzata perchè ho un CANCRO ed un male boia alla schiena", "scusa sai, se non lo fossi, probabilmente sarebbe per colpa di una metastasi al cervello!".
Non ho mica capito bene, secondo lei io "HO UN CANCRO E DOVREI ESSERE SERENA E NON INCAZZATA?"
"Porcaputtanatroiadiquellavaccamiserialadradisuanonnaincarriolaquellatroiadi
suaziaiononlovogliostocancrodemerdasonoincazzatacomeunaienaiovogliovivereestarebene
andaareingiroconmiomaritovederepostinuovicorrerescalareilmiontebiancoandareafunghinuotare
eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!"
A me veniva da ridere, a sentire sta persona dire ste minchiate, però mi domando cosa avrebbe potuto scatenare, un discorso del genere, nella psiche di una persona che si è ammalata da poco!
Una che si ritrova davanti un medico che le dice che ha il CANCRO e che deve sottoporsi ad un certo protocollo di cure...altrimenti muore!
Le cosiddette “medicine alternative” sono tante e se uno ci crede, ben vengano.
Mal che vada non fanno un emerito bip! (a parte il te verde che interferisce con il Velcade...l'ho letto su un articolo...insommaa si sa che anche le cose "naturali" possono essere pericolose...magari combinate con certi farmci fanno un bel casino!
Io penso che se una persona è convinta che una cosa le faccia bene, questo sia un fatto positivo e sicuramente quella cosa le fa davvero bene.
Ma per PIETA’, smettetela di dare consigli ai malati e criticare i PROTOCOLLI di cura del CANCRO!
Noi malati andiamo in confusione e non abbiamo alternative “serie”.
In Brasile si cura il CANCRO con l’Aloe, la pianta non le "essenze" che vendono a prezzi indecenti nelle erboristerie, perché non ci sono altre risorse!
Anche quello è diventato un bisness.
Oramai l'Aloe lo mettono ovunque.
Anche nel detergente intimo.
Come i “Fiori di bach”, o l’acqua miracolosa di Lourdes venduta in bottigliette di plastica da decenni.
O la statua della madonna di Mediugorie, che adesso va molto, o quella di tutti i santi del paradiso, in particolare Padrepio (che te lo ritrovi con quella faccia un tantino "inquietante" in ogni luogo).
Se uno ci crede, a mio parere funziona.
Meglio per lui, se crede.
Meglio per quelli che hanno la "FEDE", che credono che dopo morti andremo tutti contenti in paradiso (se abbiamo fatto i bravi).
A me lasciatemi il protocollo di cura di Ematologia.
Veramente…

venerdì 17 luglio 2009

LA CACCOLA NELL'UNIVERSO

Ieri ho parlato con una signora in ospedale.
Mi ha ricordato, come se ce ne fosse bisogno, che io non sono l’unica paziente di ematologia.
Perché un esame ci aveva messo tre giorni per arrivare dal settimo piano al piano terra.
Era rimasto nel mucchio delle analisi che noi malati facciamo, in attesa di essere infilato, presumo da questa signora, nell’apposita cartella.
Qualcuno lo stava cercando.
Io sicuramente.
Rispondo attraverso il MIO blog, a questa Signora, che spero mai vedrò in faccia e mai vorrò vedere: “Lo so, cara Signora, io sono solo una “caccola” dispersa nell’ematologia. Una malata delle tanti. Non sono la più bella. La più giovane. La più grave. Forse la più stronza, sì. Vede, almeno un primato lo detengo. Cara Signora, Le auguro di non sentirsi mai una “caccola” all’interno di un reparto ospedaliero, così come mi ha fatto sentire ieri Lei. Io stavo solo cercando un referto. Sa, cara Signora, io ho un CANCRO, un grosso buco nel culo. Ho tanto male e sono un attimino incazzata. Mi giri alla larga cara Signora, non vorrei che, esplodendo, qualche brandello del mio corpo, le cadesse su quella crapa vuota che si ritrova sopra il collo!”.
Olè


Ps: almeno mi son sfogata in qualche maniera. Dopo avere pianto a letto, per i cazzi miei. Che si sappia. A volte basta così poco. Basta solo essere gentili. Come fanno le commesse della grande mela. Un sorriso, una parola gentile. Altrimenti si può sempre cambiare mestiere. Il cesso a casa mia ad esempio, mi risulta difficile da pulire. Pertanto…..e non occorre nà laurea…solo do bone spalle….
Invece ad essere malati, in Italia, occorrono dù boni coioni!
Altro che balle!

martedì 14 luglio 2009

IL NOSTRO ANNIVERSARIO

Lui è sempre con me.
Non mi lascia mai sola.
Non mi abbandona un momento, nemmeno di notte, quando dormo e non lo sento.
Potrebbe uscire ed andare a farsi un giro.
Ed invece no.
Testardo come un mulo.
Quasi quasi mi sono abituata alla sua presenza.
Una presenza talvolta così discreta, da farmelo dimenticare proprio.
Fino al momento che si fa sentire, con quel suo modo improvviso di farmi tornare tutto in mente, tutto in un colpo, sin dal giorno che ci siamo, finalmente, conosciuti.
Mi ha corteggiata sin dal 24 maggio 2004, ma non si decideva mai.
A forza di girare, ci siamo finalmente guardati in faccia.
Era il 19 luglio 2007.
Una data storica per noi.
Io e lui.
Lui ed io.
Il mio CANCRO.
Mia unica ragione di vita.
Forever.

ps: insomma....mia unica ragione di vita, è un pò esagerato..lo ammetto..
Giggino si è incazzato...insomma.... è che veniva bene scritto così!
Ma si sa, che il CANCRO non è mica la mia unica ragione di vita!
C'è Giggino, mio papi, le mie nipoti, tutti i parenti vari, le amiche vecchie e quelle nuove, i miei amici maschi, i miei gatti, l'architettura, la pittura, Camilleri, i saldi, le patatine pai, la cocacola, la pizza, le cene al mare, Montereggio, i viaggi per il mondo ecc.ecc.ecc.
Volevo forse dire che la lotta contro il CANCRO è una delle mie principali ragioni di vita.
Perchè se non lottassi contro il CANCRO, sarei già morta.
In realtà mica più ci lotto...
Ci convivo...è nel mio sangue, mi ha lasciato un grosso segno nella schiena...
Ci flirto, ecco...
Adesso ci flirto...ci amoreggio, ci cinguetto, ci tubo, ci filo...
Provo ad amarlo....
Così abbassa la guardia ed io ....zac!
Lo faccio secco!

giovedì 9 luglio 2009

I MIEI PASTROCCHI

Ho deciso di condividere con i miei amici l'album di disegni che ho pubblicato su Facciadilibro.
Una panoramica dei miei pastrocchi prima e post-mortem!


http://www.facebook.com/album.php?aid=26383&id=1502686938&l=dc16b672c7

mercoledì 1 luglio 2009

SARAI

L’ho conosciuta girando per facebook.
Proprio quando avevo deciso di cancellarmi perché mi sembrava che fosse solo un buco della serratura aperto sui cazzi degli altri.
Per un certo verso è così…
Infatti ho accettato poche amicizie.
Mi sono persino ritrovata iscritta in un gruppo sado-maso e sono stata agganciata da un poveraccio che era proprio alla frutta: insomma, “agganciare” via cavo nà quasi cinquantenne col CANCRO, ce ne vuole…
E certo la mia faccia non è che sia una delle più “bambolose” che ci sono in giro..non a caso mio marito mi chiama “ceffo”. (nò, cesso…così mi ha chiamato qualcun altro, talvolta…mica sono la Gregoracci o la Canalis…lo so benissimo!).
Insomma nonostante tutte ste nefande premesse, ho incontrato una persona ME-RA-VI-GLIO-SA!
E’ spagnola non so di dove, dipinge, canta, scrive libri, poesie, balla, recita…
Insomma, un VULCANO!
Sotto c’è il collegamento al suo BLOG!
Oggi compie 26 anni e non so che regalo farle.
Così mi è venuto in mente di parlarvi di lei.
Una vera peperina…
Potrebbe essere mia figlia, visto l’età!
Un vero talento perso tra un mare di culi e aspiranti veline, letterine, stupidine, manizine…
Ogni tanto chattiamo….
Stiamo combattendo la medesima battaglia.
Certo, non c’è paragone!
Io ho 49 anni ed ho iniziato a 45!
In realtà io penso che lei non abbia SOLO 26 anni!
Lei mi ha detto ridendo “Così c’è scritto sulla mia carta di identità!”.
Io non ho mai conosciuto una persona così talentuosa in così tante diverse discipline ed arti.
Ha fatto TROPPE cose, ma veramente..
Ed il suo corpo esige una pausa di riflessione!
Ed io spero che solo quella sia!
Cara Sarai, io sono scesa all’inferno e poi sono risalita!
Ero sorda ed ora ho ascoltato le tue canzoni!
Non importa cosa dice la medicina!
Non è come la matematica.
Io penso che i Medici abbiano ancora molta strada da fare!
Ed anche tu!
Un bel tratto magari, lo faremo insieme!
Auguri ed un grosso bacio dalla tua amica “virtuale” (non virtuosa, ci mancherebbe!) Annamaria!


Ps: Diventate suoi fan!
Andate a vedere cosa combina questa piccola grande donna di nome Sarai!
Questo è l’indirizzo del suo blog!http://www.saraillamas.com

Unico effetto collaterale: i miei “pastrocchi” mi sembrano veramente solo dei “pastrocchi” dopo avere visto cosa riesce a disegnare lei…

TORRE DEL LAGO

TORRE DEL LAGO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO
per i 50 anni di Flavio ed Annalisa...

Con Diana e Oscar

Con Diana e Oscar
splendidi figli di Gianni e Camilla...

CI SONO ANCORA

CI SONO ANCORA
con la collana in vetro di Murano ed argento, regalo dei colleghi..

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.
Come potete vedere, quello indicato con la freccia è ALIEN (il mio buco sul sacro, PLASMOCITOMA S1-S3: è quello nero)

IO e....boh! non so chi sia...

IO e....boh!  non so chi sia...

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino non ci stà più

Maggiolino non ci stà più
nel piatto Marocchino!

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO
Ciro Crillo

LA NICO COL GATTO

LA NICO COL GATTO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA
Ero un tantino incazzata. Si vede?

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE
Si vede che sono un tantino sollevata

Carlotta....

Carlotta....
la micia di Arianna e Roby...

Coco

Coco

Per Mara....

Per Mara....

Maggiolino 2008

Maggiolino  2008
Ottobre

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

PENNARELLI E MATITE

PENNARELLI E MATITE

Particolare del 99

Particolare del 99

GATTI MISTI 2008

GATTI MISTI 2008

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO
l'ho regalato a Loretta e Michele, l'ho disegnato adesso, di notte, con i pennarelli

GATTO DI NOVEMBRE

GATTO DI NOVEMBRE

ACQUARELLO

ACQUARELLO

TANTI GATTI

TANTI GATTI

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

PASTELLI

PASTELLI

ACQUARELLO E MATITE

ACQUARELLO E MATITE

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

A CHINA

A CHINA

Giggino stravaccato sul sofà

Giggino stravaccato sul sofà

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)
Natale 2007. Traspare dallo sguardo dei micetti, la serenità dello spirito che si avvicina con devozione alle sante festività!!!! diodellamadonna, sembrano due iene! Vedi il subconscio..

acquarello

acquarello

Senza titolo

Senza titolo

Pennarelli e matite

Pennarelli e matite

Tempera su legno

Tempera su legno

Olio su tela

Olio su tela
A Giggino piace, mentre a mè fa schifo, perchè con i colori ad olio, sono proprio negata....

Particolare

Particolare
luna

Giggino

Giggino

Acquarello

Acquarello
Botticino

Particolare

Particolare
Pastrocchi con i pennarelli e le matite

Particolare

Particolare
Tempera su asse di legno

MADONNA

MADONNA
E' stato un esercizio di stile. Non è il mio genere...era per provare se sono capace di disegnare

Il nostro letto a Montereggio

Il nostro letto a Montereggio
Dipinto dalla stessa scrivete nel lontano 1993

BARBARA

BARBARA
la nipote, la figlia di mio fratello Sergio...quella che ha tre gatti, due cani, quattro cincillà..quella che ha una "passione" per gli animali...

GIGGINO

GIGGINO
il mio amore con la cravatta e la camicia che gli ho regalato io, con i suoi soldi!

LA NICO

LA NICO
quella gnocca di mia cognata

COMPLEANNA

COMPLEANNA
Il taglio della torta...(da sinistra) Mara, Loretta, io che frigno, Massimino e Silvietta (Citrato n. 2)

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008
a passeggio a Peschiera

MAGGIOLINO

MAGGIOLINO
stonzettino

Occhi gialli

Occhi gialli
karma Chicca, madre/moglie di Cicciolinus, madre di Maggiolino...

Cicciolinus

Cicciolinus

maggiolino in semi-coma

maggiolino in semi-coma

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino
Il più bello della Via Perloso, nò balle!

2005

2005

2006

2006

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia
Ad un anno esatto da quando mi si è bucato l'osso sacro! Il cimitero può attendere! Coraggio, tumorati di tutto il mondo, mettiamogliela in quel posto! Mieloma, ti conosco, ti vedo, ti stronco!!!!!!!! Bastardo vedremo chi la vince!

19 luglio 2008

19 luglio 2008
Anniversario di quando mi sono seduta sulla sedia e mi si è rotto l'osso sacro! per festeggiare cena a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Coppia al mare

Coppia al mare
Giggino, il sant'uomo di mio marito ed io

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/
siamo in Lunigiana, nel paese dei librai, paese natio di Giggino

Montereggio

Montereggio
la chiesa sconsacrata

Montereggio

Montereggio

19 Luglio 2008: Montereggio by night

19 Luglio 2008: Montereggio by night

Crì ed io a Montereggio

Crì ed io a Montereggio
13 luglio 2008

Mary alla finestra

Mary alla finestra
A Montereggio

ROBERTO E FIORELLA

ROBERTO E FIORELLA
coppia al bar in quel di Montereggio

Sono andati avanti.......

Sono andati avanti.......
Mauro, Rambo ed Ila