TRADUTTORE

Barra video - La colonna sonora che preferisco....

Loading...

BENVENUTO

Chievo , Dicembre 2007
Ciao, benvenuto nel mio blog!
Mi chiamo Annamaria, ho 49 anni (purtroppo) di professione architetto, sono un tantino "fuori" di testa e stò lottando con tutte le mie forze contro uno stronzissimo cancro del sangue, che mi vorrebbe eliminare!
Non ti spaventare, il cancro non è contagioso, ed io voglio dimostrare che si può vivere a 360 gradi, anche con un cancro, o perlomeno provarci!
E senza lagnarsi e farsi compatire (se non quel tanto che basta per ottenere delle cose che altrimenti ci sarebbero negate...insomma, già che ci siamo perchè non approffittarne?)
E come disse Freddie "[...] ora voglio soltanto avere la maggior quantità possibile di gioia e serenità, e immagazzinare quanta più vita riesco, per tutto il poco tempo che mi resta da vivere."(Ultima intervista di Freddie Mercury, 1991).
Amen

Informazioni personali

La mia foto
Vivo a Chievo, (VR) e sono felicemente sposata da 17 anni con Giggino. Niente figli ma abbiamo tre gatti, che comunque non mi chiamano "mamma" (i figli son figli ed i gatti son gatti! Mica sono scema!). Ho anche UN MIELOMA sviluppatosi a causa della GAMMOPATIA MONOCLONALE! Lo scopo del mio blog, è quello di INFORMARE sulle cure e dimostrare che anche con un CANCRO si può vivere in maniera decorosa!! Cerco di vedere il lato "ironico" della situazione anche se, in effetti, a volte risulta un tantino difficile.... Meglio "riderci sopra" che frignare dalla mattina alla sera! Tanto, cosa cambierebbe? Che Giggino si trovebbe un'altra...ancor prima di restare vedovo! e non è proprio il caso.. anche se, a dire il vero, gli ho già proposto un paio di donzelle!
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti in questo blog sono reperite da internet, pertanto tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori.Qualora l’uso delle immagini riportate in questo blog avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, i soggetti legittimati potranno darne comunicazione all’autore che provvederà ad eliminarle immediatamente dal blog.Il contenuto di questo blog è proprietà intellettuale dell’autore e come tale è protetto dal diritto d'autore ai sensi della legge 22 aprile 1941 n. 633. L'usurpazione della paternità di testi e immagini è pertanto perseguibile a norma di legge. E' vietata la riproduzione, in qualunque forma, se non con il consenso scritto ed esplicito dell'autore.

Google Calendar Viewer

ACQUARELLO

ACQUARELLO

martedì 23 settembre 2008

LA COPPA D

A proposito di tette, ho scoperto che, mio malgrado, sono proprio nata nel periodo storico sbagliato.
Come si suole dire, “ai miei tempi”, vale a dire quando ero nà giovinetta, le “tette” grosse, erano considerate una cosa deplorevole, ed era doveroso nasconderle.
Vorrei precisare che sono nata l’8 ottobre del lontano 1959.
Sin da piccola, le mie zinne, hanno cominciato a svilupparsi precocemente.
Risale infatti all’incirca all’età di 7 anni, l’episodio che mi ha segnato “dentro”, già altre volte citato, quando la mia compagna di giochi, Maria Cristina Ninnin, mi ha apostrofato, ed eravamo davanti al sagrato della Chiesa, chiamandomi, con fare spregiativo, “FATA MUCCONA”.
Non ricordo a dire il vero, cosa le abbia detto io, in ogni caso tale “ferita”, non si è ancora rimarginata e, talvolta quando m i guardo allo specchio, vedo riflessa nà mucca, ovviamente di quelle da latte.
Dopo stà doverosa premessa, vorrei ricordare a tutti i giovani di adesso, che quando ero una adolescente ed anche dopo, andava molto di moda essere “piatte”, come la tavola da surf ed inoltre, erano stati anche aboliti, per un tot di tempo, i reggiseni.
Ovviamente si vedevano delle “mammelle” che fluttuavano nello spazio, scandendo l’andatura della femmina in oggetto, ma molte donne si sono “adeguate”, anche se magari non avevano propriamente un seno del tipo auto-reggente.
Leggende metropolitane, o fatti realmente accaduti, raccontavano di donne, che pur di non mostrare le poppe troppo esuberanti, fossero ricorse nientepopodimenochè a rimedi quali agire “in sito”, con una specie di fasciatura contenente.
Nel mio caso specifico, ricorrevo all’ingobbimento, per raccogliere il seno quarta coppa D, all’interno delle spalle.
E adottavo dei capi di abbigliamento, piuttosto morbidi in loco.
Ammesso che potessero esistere, dei capi di abbigliamento che mimetizzassero le mie prorompenti zinne.
In ogni caso, sono sempre stata identificata, mio malgrado, come una “TETTONA”.
Al liceo, era il periodo delle “femministe” e dei cortei dove gridavamo “l’utero è mio e me lo gestisco io!”.
Giravamo con abiti trasandati, “vintage” si direbbe adesso e rinnegavamo, ove fosse stato possibile, la nostra femminilità se essa era riconducibile alle zinne.
Io adoravo delle mie compagne di classe, che avevano un seno molto piccolo, che stava in una coppa di champagne.
Io, indubbiamente, anche se ero in effetti piuttosto “florida”, in ogni parte del mio corpo, ero senza dubbio la più “tettona” della mia classe.
Nonostante cercassi di mimetizzare le poppe, la cosa risultava piuttosto difficile.
Ricordo ancora, quella volta che dù muratori che stavano lavorando nei pressi del liceo, al mio passaggio hanno gridato “heilalà, che salute!”.
Li trovassi adesso, probabilmente li INCULEREI. Altro che salute!
Comunque, non so che cosa sia successo nel costume e nella società, fatto stà che adesso le TETTONE, vanno molto di moda!
E se ti guardi intorno, vedi spuntare tettone in ogniddove!
A parte quelle che se le fanno pompare e di solito le riconosci perché sono antigravitazionali e la parte superiore risulta stranamente rotondeggiante, vi sono molti espedienti per farle lievitare.
Reggiseni imbottiti, applicazioni removibili al silicone, alze-tette di tutti i segnati e varie formule magiche (pastiglie, impacchi ecc. per farle lievitare come i pandori, almeno così ti dicono).
Penso che ci siano donne che, iniziando a strizzare dal polpaccio, spingono la carne verso l’alto (perché, cazzo, da qualche parte deve pure trasbordare) ed arrivano ad aumentare le poppe magari di una/due misure.
Ai miei tempi, era cosa veramente RIPROVEVOLE, e molto out, esibire la benché minima parte delle spalline del reggiseno!
Adesso, penso grazie a Dolce & Gabbana, non solo si mostrano le tette, ma pure i reggiseni, e magari di un altro colore (si mostrano anche le mutande, ma quella è tutta n’altra storia).
Insomma, finalmente c’è stato lo SDOGANAMENTO DEL REGGISENO!
Viva le spalline del reggiseno in vista!
Per non parlare del, chiamamolo così, TAGLIO (che sarebbe il punto di unione tra un seno e l’altro quando le due zinne si toccano).
Alcune il TAGLIO, non ce l’hanno perché le zinne sono troppo piccole ed in mezzo alle due, anche se cominci a tirare/spingere, la carne partendo dalle scapole, rimane sempre nà specie di tunnel.
Le tettone come me, invece sanno che il TAGLIO, si produce facilmente, basta indossare un qualsiasi reggiseno, senza bisogno di tirare niente: basta infilare le zinne nei contenitori, possibilmente di misura adeguata, e voilà il gioco è fatto!.
Ecco pronto un bel decolté col TAGLIO in vista.
Ai miei tempi era rigorosamente “out” esibirlo.
Oggi lo mostrano anche le settantenni che hanno, nò un piede come me nella fossa come me, ma già tutti e due!
Una sera, prima che mi si rompesse il sacro, sono uscita a mangiare una pizza con la mia amica Marghe ed il suo fidanzato.
Alla fine della serata, ho fatto presente alla mia amica Marghe, che le si era slacciato un bottone della camicetta, senza peraltro che si intravvedesse nulla, poiché sotto lei portava una canottiera.
In quel mentre, mi è caduto l’occhio sul mio decolté: diodellamadonna, mi si vedeva il taglio! Non ricordo che maglia indossassi, ma non era certo nelle mie intenzioni, lo giuro!
La mia amica Marghe, mi ha fatto presente che ero partita da casa, con una scollatura del genere, e lei era convinta che lo avessi fatto di proposito!
Le sue colleghe, vanno sempre a lavorare col TAGLIO a vista!
“diodellamadonna”, le ho detto, “tu mi conosci bene, lo sai quanto ho sofferto nella vita per avere due tettone, e ti pare che a quasi 50 anni, improvvisamente, mi metto a mostrarle?”.
“Che ne so”, mi ha risposto lei, “era da tanto che non uscivamo insieme!”
Così, adesso per suo moroso, sono “Quella col TAGLIO in vista!”.
Care Signore, anche se la moda cambia ed adesso sono diventate di moda le TETTONE, penso comunque che “tutti i frutti a la so stagion!”(tutti i frutti alla sua stagione).
A 20/30 anni si potranno scoprire le tette antigravitazionali naturali o gonfiate, fare uscire i perizomi dai pantaloni e fare intravvedere gli sfinteri anali (è sempre comunque questione di “stile”: a me, francamente, tutta sta biancheria e sta’ carne in vista mi mette un po’ di tristezza (e di invidia, probabilmente). A mio marito invece no!) ma a 50, penso sia meglio cominciare a coprire!
Ieri sera sono andata a comperarmi un capo passpartù per l’inverno (Giggino non capiva cosa fosse, poverino non capisce un cazzo di moda), vale a dire un dolcevita nero sottogiacca, e sono andata in un negozio specializzato anche sull’intimo.
La commessa, dopo avere studiato la mia faccia e le mie gambe secche, mi ha detto “Le faccio vedere una taglia L, la sua arriverà la prossima settimana”.
Allora, come fanno i maniaci sessuali nei parchi o nelle strade buie, mi sono aperta la giacca e le ho mostrato le zinne, maldestramente contenute nel reggiseno terza coppa D e celate da una camicia nera e le ho detto: “Signora, va benissimo la L!!!!”.
“diodellamadonna", (o qualcosa di simile) ha esclamato la commessa, "ha proprio ragione, le ci vuole nà L!”.
Altro che balle!
Anche se ho perso 15 chili, le mie tette, fanno sempre provincia!
E pesano pure!
Che palle!
Olè


Ps: per chiarire nà volta per tutte la storia delle misure dei reggiseni, siccome mi è stato più volte richiesto il significato delle “coppe”, adesso vi illumino, o almeno cerco di farlo.
La taglia prima, seconda, terza, quarta, quinta ecc. si riferiscono, generalmente, alla circonferenza del busto.
Le coppe invece, A,B,C,D,E,F,G,H, ecc. si riferiscono alla massa della mammella in sé stessa medesima.
Pertanto, si può trovare una persona molto robusta, che ha pertanto nà quinta, però coppa B, perché ha poco seno.
Oppure nà "sgnanfrina" (cioè una donna niente in tutto), che ha una prima coppa D, perché è magrissima ma con due zinne esagerate!
Giggino, che è abbastanza “pettoruto” (e per tale motivo è stato spesso oggetto di scherno da parte di qualche amico scemolotto), potrebbe avere, ad esempio, una sesta coppa B.
Io avevo una quarta coppa D.
Ora ho una terza coppa D.
Anche se ho perso 15 chilogrammi, il diametro del busto si è ridotto, ma le zinne nemmeno un etto! Stè stronze, che le devo tenere su con la spina dorsale!


QUIZ (per vedere se avete capito):
Ha più seno, una terza coppa D od una sesta coppa B?
Risposta esatta: Mah!
E poi la cosa non ha rilevanza ai fini della causa in oggetto.

Psps. A proposito di un scemolotto in particolare, detto Malpa, amico (?) di Giggino, Egli soleva prenderlo spesso in giro, a proposito delle sue zinne (di Giggino).
Famosa fu quella volta che, in piscina, nuotando sott’acqua, cercò di palpeggiarlo sorprendendolo mentre stava facendo dorso, salvo poi accorgersi di avere clamorosamente sbagliato persona!
Che bevve un tot di acqua, e che quando si rimise in piedi davanti al Malpa, (nello specifico lo sovrastava di oltre mezzo metro)gridò: “Fuori i culattoni dalla piscina!”.
E fu salvato dal pestaggio, solo perché intervenne un altro amico che riuscì a sedare gli animi.
Mentre Giggino, a bordo della piscina, se la rideva!
Ed ogni tanto ce la raccontiamo ancora tra di noi, e ridiamo…
Alla facciazza del Malpa!
Altro che balle..

3 commenti:

adamus ha detto...

Ciao, "Fata Muccona" che cattiva la Tua ex Amica Maria Cristina Ninnin, ricordo negli anni 75/80,Noi maschietti avevamo un debole per le Ragazze super Tettone e mi risulta che ancora oggi nessuno le disdegna, certo se a qualcuno piacciono le Modelle attuali di 30 kg. bagnati, che gli puoi fare una schermografia, soltanto mettendogli un cerino acceso dietro schiena......? i gusti sono gusti, io sono all'antica, preferisco le taglie forti! Ciao, buona serata!

anna ha detto...

Caro Adamus, se solo fosi nata adesso, le metterei in mostra, le porterei orgogliosa, le zinne, ed invece ora mi tocca solo "cercare" di contenerle!
Tutti i frutti allo sò stagion!
Io oramai, come le mie coetanee (anche se tante non vogliono ammetterlo) ho "levato el boio".
Mi consola sapere che la Maria Cristina Ninnin, che di anni ne fa 50, suo malgrado, è pure essa diventata una vecchia gallina da brodo. In salute, beata lei....

Ale Ale83 ha detto...

Grande racconto autobiografico, intelligente, fresco e pieno di sana e rara autoironia. Io, che di anni ne ho 34, ho vissuto le stesse (dis)avventure. Oggi ci rido su. Dopo questa mitica lettura ci rido ancora di più su. A me le mie cugine più grandi cantavano "o che bella latteria, ia,ia oh!". Ora che sono mamma di una nana di 4 anni, la latteria è diventata il suo cuscino coccoloso. Saluti a tutte le muccone ;)

TORRE DEL LAGO

TORRE DEL LAGO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO

RITROVO TRA EX COMPAGNI DI LICEO
per i 50 anni di Flavio ed Annalisa...

Con Diana e Oscar

Con Diana e Oscar
splendidi figli di Gianni e Camilla...

CI SONO ANCORA

CI SONO ANCORA
con la collana in vetro di Murano ed argento, regalo dei colleghi..

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.

LA MIA SCINTIGRAFIA DEL 09/08/2007.
Come potete vedere, quello indicato con la freccia è ALIEN (il mio buco sul sacro, PLASMOCITOMA S1-S3: è quello nero)

IO e....boh! non so chi sia...

IO e....boh!  non so chi sia...

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino nel piatto marocchino

Maggiolino non ci stà più

Maggiolino non ci stà più
nel piatto Marocchino!

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO

ALCUNI MIEI DISEGNI NEL TEMPO
Ciro Crillo

LA NICO COL GATTO

LA NICO COL GATTO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO CON BOTTICINO

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA

AUTORITRATTO DURANTE LA TERAPIA
Ero un tantino incazzata. Si vede?

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE

AUTORITRATTO DOPO LA RADIO ED IL DESAMETASONE
Si vede che sono un tantino sollevata

Carlotta....

Carlotta....
la micia di Arianna e Roby...

Coco

Coco

Per Mara....

Per Mara....

Maggiolino 2008

Maggiolino  2008
Ottobre

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

IN PRINCIPIO, QUANDO ERO MOLTO TRISTE

PENNARELLI E MATITE

PENNARELLI E MATITE

Particolare del 99

Particolare del 99

GATTI MISTI 2008

GATTI MISTI 2008

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO

GATTO ROSSO
l'ho regalato a Loretta e Michele, l'ho disegnato adesso, di notte, con i pennarelli

GATTO DI NOVEMBRE

GATTO DI NOVEMBRE

ACQUARELLO

ACQUARELLO

TANTI GATTI

TANTI GATTI

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

ACQUARELLO

PASTELLI

PASTELLI

ACQUARELLO E MATITE

ACQUARELLO E MATITE

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

PASTELLI

A CHINA

A CHINA

Giggino stravaccato sul sofà

Giggino stravaccato sul sofà

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)

Per le marmellate di Giggino (per le etichette dei vasetti)
Natale 2007. Traspare dallo sguardo dei micetti, la serenità dello spirito che si avvicina con devozione alle sante festività!!!! diodellamadonna, sembrano due iene! Vedi il subconscio..

acquarello

acquarello

Senza titolo

Senza titolo

Pennarelli e matite

Pennarelli e matite

Tempera su legno

Tempera su legno

Olio su tela

Olio su tela
A Giggino piace, mentre a mè fa schifo, perchè con i colori ad olio, sono proprio negata....

Particolare

Particolare
luna

Giggino

Giggino

Acquarello

Acquarello
Botticino

Particolare

Particolare
Pastrocchi con i pennarelli e le matite

Particolare

Particolare
Tempera su asse di legno

MADONNA

MADONNA
E' stato un esercizio di stile. Non è il mio genere...era per provare se sono capace di disegnare

Il nostro letto a Montereggio

Il nostro letto a Montereggio
Dipinto dalla stessa scrivete nel lontano 1993

BARBARA

BARBARA
la nipote, la figlia di mio fratello Sergio...quella che ha tre gatti, due cani, quattro cincillà..quella che ha una "passione" per gli animali...

GIGGINO

GIGGINO
il mio amore con la cravatta e la camicia che gli ho regalato io, con i suoi soldi!

LA NICO

LA NICO
quella gnocca di mia cognata

COMPLEANNA

COMPLEANNA
Il taglio della torta...(da sinistra) Mara, Loretta, io che frigno, Massimino e Silvietta (Citrato n. 2)

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008

DOMENICA 26 OTTOBRE 2008
a passeggio a Peschiera

MAGGIOLINO

MAGGIOLINO
stonzettino

Occhi gialli

Occhi gialli
karma Chicca, madre/moglie di Cicciolinus, madre di Maggiolino...

Cicciolinus

Cicciolinus

maggiolino in semi-coma

maggiolino in semi-coma

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino

Maggiolino
Il più bello della Via Perloso, nò balle!

2005

2005

2006

2006

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia

Luglio 2008: a 4 anni di distanza dall'esordio della malattia
Ad un anno esatto da quando mi si è bucato l'osso sacro! Il cimitero può attendere! Coraggio, tumorati di tutto il mondo, mettiamogliela in quel posto! Mieloma, ti conosco, ti vedo, ti stronco!!!!!!!! Bastardo vedremo chi la vince!

19 luglio 2008

19 luglio 2008
Anniversario di quando mi sono seduta sulla sedia e mi si è rotto l'osso sacro! per festeggiare cena a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Gruppo di amici a Vernazza

Coppia al mare

Coppia al mare
Giggino, il sant'uomo di mio marito ed io

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/

Là nella valle c'è Montereggio http://www.montereggio.it/
siamo in Lunigiana, nel paese dei librai, paese natio di Giggino

Montereggio

Montereggio
la chiesa sconsacrata

Montereggio

Montereggio

19 Luglio 2008: Montereggio by night

19 Luglio 2008: Montereggio by night

Crì ed io a Montereggio

Crì ed io a Montereggio
13 luglio 2008

Mary alla finestra

Mary alla finestra
A Montereggio

ROBERTO E FIORELLA

ROBERTO E FIORELLA
coppia al bar in quel di Montereggio

Sono andati avanti.......

Sono andati avanti.......
Mauro, Rambo ed Ila

Archivio blog